Stampa questo articolo  Invia questo articolo

Nuovo modello 730, novità per Imu e bonus per ristrutturazioni e risparmio energetico

Novità sull’Imu e sulle detrazioni del 36% e 55% per gli interventi di ristrutturazione e di risparmio energetico sugli edifici sono contenute nella nuova bozza del modello 730, pubblicata dall’Agenzia delle Entrate con le relative istruzioni.

L’Imu in molti casi sostituisce anche l’Irpef e le relative addizionali dovute su terreni e fabbricati. Per i terreni se non affittati, l’Imu sostituisce l’Irpef e le addizionali sul reddito dominicale, mentre il reddito agrario continua a essere assoggettato alle ordinarie imposte sui redditi (per i terreni affittati, invece, sono dovute sia l’Imu sia l’Irpef).

Per i fabbricati, il nuovo tributo rimpiazza l’Irpef a condizione che gli stessi non siano locati. Soltanto Imu, inoltre, anche per quelli concessi in comodato gratuito.

Nel nuovo 730/2013 saranno presenti le detrazioni sulla casa. Nello specifico per tutte le spese sostenute dal 26 giugno 2012 (data di entrata in vigore del decreto legge n. 83/2012) al 30 giugno 2013, spetta al cittadino una detrazione Irpef innalzata dal 36% al 50%,  oltre tale data il bonus dovrebberitornare  al 36%. Mentre il limite di spesa per il quale si può usufruire del beneficio passa da 48 a 96mila euro. Il bonus, inoltre, è allargato agli interventi di ricostruzione o ripristino di immobili danneggiati a causa di eventi calamitosi.

Dal 2013 lo sconto si spalma in 10 quote annuali per tutti i cittadini, giovani e meno giovani. Fino all’anno scorso i contribuenti con età non inferiore a 75 e 80 anni potevano scegliere la ripartizione “abbreviata” della detrazione (5 o 3 rate).

Il 30 giugno è la linea di confine anche per quanto riguarda la detrazione Irpef/Ires del 55% relativa ai lavori finalizzati al risparmio energetico degli edifici. L’1 luglio, infatti, il bonus energia si fonderà con quello ristrutturazioni (la nuova agevolazione a tempo indeterminato, già fissata nell’articolo 16-bis del Tuir nella misura del 36% su spese non superiori a 48mila euro, si chiamerà “Detrazione delle spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica degli edifici”).

Fonte

ediliziaurbanistica.it

fiscooggi.it

Stampa questo articolo  Invia questo articolo

  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • RSS
visite: 10.956

Articoli che potrebbero interessarti:

3 Commenti

  1. Siete proprio sicuri che la detrazione per le ristrutturazioni sia oggi del 36% e salga dopo il giugno 2013 al 50% e non piuttosto esattamente il contrario?

  2. Nell’articolo è stata riportata un’indicazione assolutamente errata per quanto riguarda il bonus fiscale sulle ristrutturazioni. Infatti per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 (data di entrata in vigore del decreto legge n. 83/2012) al 30 giugno 2013, spetta una detrazione Irpef innalzata dal 36% al 50% e non il viceversa come erroneamente indicato. Oltre tale data il bonus dovrebbe ridiscendere al 36%. Corretta risulta invece l’indicazione sul limite massimo di spesa di 96.000 euro per unità immobiliare, sempre fino al 30/06/2013.

  3. Si effettivamente ci siamo accorti dell’errore, abbiamo invertito i dati durante la battitura. Grazie per l’avviso e per la tempestività della correzione.
    Ci scusiamo per l’inconveniente.
    Saluti.

Lascia un Commento

Ti ricordiamo che puoi commentare anche tramite il tuo account Facebook.