Filosofia

In questo BLOG si vuole solleticare la curiosità e l’interesse di molti che ancora non conoscono quello che la tecnologia costruttiva è in grado oggi di offrire anche sul nostro territorio e aprire così spazi di dialogo, scambio di opinioni e dubbi in merito.

Case costruite a pareti diffuse debolmente armate coibentate in calcestruzzo armato: sicure, attuali, convenienti, prestazionali, una concreta alternativa agli edifici costruiti con travi  pilastri e tamponamenti.

I pannelli portanti in conglomerato cementizio armato gettati in opera rappresentano una soluzione strutturale caratterizzata da ottimali proprietà prestazionali, strettamente correlate alle loro caratteristiche geometriche.

In particolare le strutture a pareti diffuse debolmente armate si caratterizzano per una “esuberanza” dell’elemento portante stesso in termini di quantità di conglomerato cementizio armato. Ne consegue che strutture siffatte si caratterizzano per superiori capacità portanti (se paragonate a manufatti analoghi, però realizzati in muratura o con struttura portante a telai) sia nei confronti dei carichi verticali (gravità) che nei confronti dei carichi orizzontali (vento e sisma).

Rispetto ai tradizionali metodi costruttivi che prevedono travi e pilastri, le case realizzate con pareti diffuse debolmente armate costituiscono una scelta costruttiva attuale e al passo con le nuove esigenze di una committenza sempre più attenta alle prestazioni, al benessere, all’ecosostenibilità e soprattutto alla sicurezza.

L'applicazione in edilizia

L'applicazione in edilizia

Il blog mira a mettere in evidenza tutti gli aspetti meno noti relativi alla struttura, alla costruzione e in generale a tutti gli elementi che compongono l’edificio….tutti aspetti che vengono poi celati dall’impatto estetico dell’edificio stesso.  Qui si parte dal concetto di sicurezza nella sua accezione più ampia: sicurezza nell’acquisto dell’edifico in quanto ben costruito, tecnologicamente avanzato e prestazionale, sicurezza per l’ambiente ovvero edifici ecosostenibili, a basso impatto ambientale e infine sicurezza degli operatori edili in cantiere in tutte le fasi di realizzazione del bene. Le domande a cui si vuole cercare di rispondere e sulle quali riflettere trovando soluzioni e risposte esaustive sono:

Poliestirene

Poliestirene

Sono sicure le nostre case, le nostre abitazioni? Qual è lo stato di salute degli edifici in cui viviamo? In che modo possiamo intervenire e tutelarci?  sono domande che in genere non ci poniamo o non prendiamo, forse, nella dovuta considerazio­ne.

Anche i “non addetti ai lavori”, oggi sempre più attenti e interessati alla cultura della sicurezza, trovano in questo blog importanti elementi di conoscenza e spunti di dibattito, per focalizzare meglio le tematiche inerenti gli aspetti strutturali e impiantistici dell’edificio; nella sostanza un edificio deve assolvere a funzioni tecniche ben definite: quali resistenza strutturale, isolamento acustico dai rumori interni ed esterni, isolamento termico dell’ambiente circostante, equilibrato comfort igrometrico, efficiente, durevole e facile da gestire impianto tecnologico sia idrico, sanitario che elettrico con ridotte manutenzioni nel tempo e concreta sicurezza in caso di eventi sismici.

L’aspetto architettonico e il posizionamento dell’abitazione non devono costituire gli aspetti principali su cui basare la scelta di acquisto, ma devono essere complementari e di aiuto alle prestazioni tecniche della stessa; per esempio la forma dell’edificio influisce pesantemente sia sugli aspetti di resistenza statica e al sisma che sulla resistenza termica (fortemente legata all’esposizione rispetto al sole e alle dimensioni ed esposizioni delle superfici vetrate e delle loro ombreggiature).

Gli edifici costruiti seguendo i principi espressi non devono costituire un bene di lusso, ma devono poter essere alla portata di tutti, quindi economici e convenienti: c’è reale progresso solo quando le tecnologie costruttive all’avanguardia potranno essere al servizio di ognuno di noi.

  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • RSS