Stampa questo articolo  Invia questo articolo

Prefabbricazione leggera: la nuova frontiera per le Case Antisismiche

La prefabbricazione cambia volto e diventa  “industrializzazione”:  il cantiere viene gestito con un nuovo approccio che permette di ridurre tempi e costi, ma anche di aumentare notevolmente le prestazioni.

In particolare, si passa dal concetto di  vulnerabilità sismica della casa (salvaguardia della vita delle persone), tipica di tutte le progettazioni per le nuove costruzioni, al concetto di resistenza sismica, ovvero la casa non si lesiona ma rimane integra anche dopo il sisma. Ovviamente il cambiamento è notevole; in linea con le aspettative dei proprietari e il valore della casa è maggiormente garantito anche nel tempo.

Questo “miracolo” è una realtà alla portata di tutti e può avvenire grazie al cambiamento dei sistemi costruttivi normalmente utilizzati. Di fatto si devono abbandonare travi e pilastri per la costruzione delle facciate e ricominciare a costruire con i muri portanti. Grazie alle nuove  tecnologie, oggi esistono i casseri prefabbricati  in Polistirene Espanso, EPS, che permettono di  realizzare  velocemente i muri e i solai in cemento armato.  Il risultato è considerevole; alla resistenza sismica si aggiunge l’isolamento  termico,  per ottenere edifici moderni e che rispondono alla necessità di ridurre le emissioni inquinanti in atmosfera e di abbattere i costi derivanti dai consumi energetici.

Poliespanso, che da oltre 30 anni è presente sul mercato e si occupa di sistemi costruttivi industrializzati, propone con l’ausilio degli elementi Muro Plastbau 3, Solaio Plastbau Metal e Divisorio Plastbau, il sistema costruttivo Case Sicure, che si avvale della Partnership delle principali aziende del mercato dell’Edilizia.

Case Sicure, con le caratteristiche sopra elencate, grazie ai casseri prefabbricati in EPS, ha un costo di realizzazione più basso del tradizionale e rappresenta una concreta risposta alle esigenze del mercato.

Alberto Zacchè

Stampa questo articolo  Invia questo articolo

  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • RSS
visite: 3.796

Articoli che potrebbero interessarti:

Lascia un Commento

Ti ricordiamo che puoi commentare anche tramite il tuo account Facebook.