Stampa questo articolo  Invia questo articolo

I sistemi di ventilazione meccanica: come migliorare la qualità dell’aria e della vita delle persone

Un esempio mirabile lo troviamo nella  scuola materna di Colfosco, tra i primi edifici scolastici con installazione di un sistema di ventilazione meccanico.

La soluzione adottata, al fine di garantire una migliore qualità dell’aria e della vita delle persone, è il sistema di ventilazione meccanica controllata a doppio flusso con recupero di calore (in conformità ai requisiti della UNI EN 15251, del 2008).

Questa tecnologia elimina gli agenti inquinanti nell’ambiente, consente di preservare la Scuola per l’infanzia “Santa Cecilia” dal degrado dovuto all’umidità, favorisce un elevato risparmio energetico, evitando la dispersione del calore e pericolosi sbalzi termici, causati dall’apertura delle finestre.

L’entrata in funzione della rete di condotti dell’aria, che prevede la purificazione dell’aria tramite appositi filtri, ha reso l’ambiente scolastico più confortevole ed igienico.  Infatti, nel corso dell’anno scolastico 2008/2009 sono drasticamente diminuite, rispetto alla media del Nord-est del 27,29%, le assenze per influenza e contagi da malattie esantematiche, con più che positivi riflessi, in merito alla diminuzione di richieste di permessi lavorativi per la cura dei figli.
Il sistema, scelto dall’Ing. Mario Pederiva di Colfosco, prodotto dalla ditta Aldes ed installato dall’impresa Impianti Termoidraulici di Fabio Storer di Treviso, è risultato anche particolarmente idoneo ad assicurare il rispetto delle linee guida sulle certificazioni energetiche degli edifici (DL 311/06).
Nel dettaglio, l’impianto con due flussi prevede il recupero dell’energia contenuta nell’aria espulsa, nella misura del 70%, che viene utilizzata per riscaldare l’aria che sarà immessa nell’ambiente, assicurando una sensibile riduzione dei costi di riscaldamento. Inoltre, la soluzione permette un’aerazione uniforme e costante dei locali, aumentando i volumi dell’aria di rinnovo in aule e sale comuni e l’estrazione dell’aria inquinata da bagni, spogliatoi e mense, con un sistema autoregolabile.

Questo progetto rientra perfettamente nella filosofia, perseguita dalla Direzione Scolastica dell’Istituto, da sempre orientata ad assicurare ai bambini un ambiente accogliente e stimolante, dotato di stanze ampie e decorate, ben illuminate ed in grado di offrire il massimo comfort.

La Direttrice della Scuola materna, Suor Marisa Massaro, osserva: “Da quando è stato installato questo nuovo sistema di ventilazione, ci siamo accorti subito di respirare un’aria più fresca e pulita. Inoltre, l’impianto è molto flessibile perché ci consente di metterlo in funzione e spegnerlo, a seconda delle nostre esigenze, in modo davvero semplice.”

Progettazione Arch. Ugo Meneghin

Studio Termotecnico Ing. Mario Pederiva – Colfosco

Impianti Termoidraulici  Fabio Storer – Treviso

Ufficio Stampa Aldes –   www.aldesitalia.it



Stampa questo articolo  Invia questo articolo

  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • Twitter
  • RSS
visite: 11.319

Articoli che potrebbero interessarti:

2 Commenti

  1. avatar
    ing. Massimo Mario

    Ho adottato un sistema analogo ancora nel 1996, in un grosso complesso scolastico da me progettato a Conegliano.
    Già allora adottammo ricuperatori di calore, con ottimi risultati in termini di comfort ambientale e risparmio energetico.

  2. avatar
    Alberto Zacché

    @ ing. Massimo Mario:
    Grazie ing. Massimo Mario per la sua testimonianza che evidenzia come queste tecnologie siano ormai da tempo collaudate ed efficienti.

Lascia un Commento

Ti ricordiamo che puoi commentare anche tramite il tuo account Facebook.